La comitiva decide con chi devi stare

Scritto da  Pubblicato in Maria Arcieri
Vota questo articolo
(17 Voti)

maria_arcieri.jpg

Se preferisci l’amico che sa leggere i giornali e appena inizi un discorso lui è preparato sull’argomento per amore di conoscenza e non per professione…sei fortunato, perché è un’impresa ardua riuscire a dialogare di politica e non di politichese.

Se preferisci osservare sempre gli altri, sia che essi siano bohémien o professionisti e preferisci stare a guardare per poter solo giudicare e non vivere, come fa quello che critichi. Hai deciso chi saranno i componenti della tua comitiva.

Se ci si ferma a pensare come fa uno che non ha professione a vivere la vita con passione, interesse, cultura, amici, conoscenza e viaggi. Sei uno che preferisce guardare. Ma ti sei chiesto se colui o colei che guardi faccia lo stesso? Hai selezionato chi invitare a cena o a casa per condividere momenti di socialità. Con chi non conduce lo stesso stile di vita non potrete mai essere amici o rispettarvi. E nelle comitive l’unione di intenti è il tassello che unisce lega quelli che hanno di deciso di seguire la loro natura e fregarsene delle regole e quelli che per non sbagliare hanno sempre guardato gli altri e commentato. Sempre tutto e tutti…

© RIPRODUZIONE RISERVATA