Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua

Una sensazione di straniamento

Lunedì, 22 Maggio 2017 11:14 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

Quando cammino in montagna (la montagna mediterranea, quella di cui Fernand Braudel dice che è il luogo di elezione per la conservazione della memoria), a lungo, per boschi, valli, crinali, è come se mi sperdessi. Per ritrovare, alla fine, me

Storia di fiumi, sassi, medici e infermieri

Martedì, 09 Maggio 2017 11:06 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpgMi risveglio nel letto caldo e profumato di casa. Alla fine di "tutto". Di uno di quei "tutti" che costellano le nostre vite. E paiono momenti epocali, totalizzanti. Ma dei quali ci dimentichiamo presto. Dal sogno emergono brandelli di

Pellegrinaggio della memoria

Lunedì, 24 Aprile 2017 05:36 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

Nelle case del borgo tutto si è fermato come per un improvviso incantamento. O per un cataclisma. Qualcuno è "fuggito" dacché era seduto dinanzi al focolare. Qualche altro ha lasciato l'ultima bottiglia d'olio. Sono rimaste perfino delle foto

Seme nella terra

Martedì, 18 Aprile 2017 10:51 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

 Avverto il richiamo. La mia montagna del cuore mi invoca. E' Pasqua. Sono irrequieto. Potrei riposare. Ma quando la prima luce penetra attraverso le persiane, odo la voce. Cammino, solo. Il cuore in subbuglio per le mille ansie di un uomo

A Pasqua risorgo. Nella bellezza e nella felicità.

Lunedì, 10 Aprile 2017 08:50 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg"Dove vai a Pasqua?" "Ah guarda ... parto, non ne posso più!" "Bravo, si deve staccare per qualche giorno, lontano dalle preoccupazioni. E ... dove vai?" "Torno a casa mia." "In che senso scusa?" "Sto a casa, leggo, scrivo, curo il giardino, guardo

Questa è la mia terra. Dove altro dovrei andare?

Lunedì, 03 Aprile 2017 04:51 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

 La vecchina è seduta su una sedia sbrindellata, nel prato davanti alla baracca degli attrezzi e a quella delle pecore, che belano inquiete. La troupe televisiva saggia le inquadrature e istruisce il conduttore. Fuori campo, il conduttore

Il viaggiatore ritorna. Sempre.

Martedì, 28 Marzo 2017 07:47 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpgIeri, un amico, mi ha mandato una bella frase di José Saramago sul viaggio. "Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla

Sino alla fine del tempo

Lunedì, 13 Marzo 2017 08:58 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

La faggeta è la più mirabile cattedrale che abbia mai visto. Qui, tra Laghicello e Cozzo Cervello. Basta visitare la Sala del Capitolo della non lontana Abbazia della Matina, per capire che gli antichi maestri, quando costruivano le chiese

Mnemosine, la dea della memoria

Martedì, 28 Febbraio 2017 07:44 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

 Il freddo delle scorse settimane è svanito. Una bassa pressione aleggia nell’atmosfera. Con una bella coltre di nuvole grigio scure a perdita d’occhio. Un mondo in ombra. Senza le distanze, i contrasti, la tridimensionalità della luce. Anche

Travasi d'anime

Lunedì, 20 Febbraio 2017 06:52 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

 Durante il suo viaggio in Italia Goethe, mentre scendeva in carrozza verso il Lago di Garda, ad una veduta particolarmente bella del lago e delle montagne circostanti, fece fermare e uscì ad ammirare il paesaggio. Il conduttore udì qualcuno