Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua

francesco_bevilacqua.jpgMattino presto. Il pastore è nella casa di pietre. Manca un’intera parete. Come uno squarcio che si spalanca sulla valle. Dentro, un forno per il pane e un fuoco di legna ormai spento. Ha munto le capre prima dell’alba. Poi le ha lasciate andar per

Persone che recano doni

Lunedì, 26 Giugno 2017 09:11 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpgFacevo difficoltà, stamane, a rammentare. Mi capita sempre così. Il cammino, nel mentre lo compio, fa germinare parole che racchiudono significati profondi. Che spesso neanch’io comprendo chiaramente in quel momento. Poi il cammino vive della sua

Il vero lusso sono tempo, spazio, silenzio

Lunedì, 19 Giugno 2017 06:59 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

 Quanto tempo sprechiamo in cose che non ci va di fare, cui siamo costretti per dovere, sensi di colpa, mancanza di coraggio? Quanto poco conosciamo lo spazio terrestre entro cui viviamo, perfino quello più vicino a noi? Quante volte

A scuola di paesaggio

Lunedì, 12 Giugno 2017 15:52 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg Guido la classe di mia figlia - una quinta elementare di Lamezia Terme - con insegnanti e qualche genitore, in un’esperienza all’esterno delle mura scolastiche, per loro inconsueta. Li conduco in un piccolo paradiso naturale, ignoto alla stragrande

I non uomini nell'era del post umanesimo

Lunedì, 05 Giugno 2017 08:07 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpgA Pietra di Fota, nei boschi di Decollatura, invitato dal MASCI, il movimento degli scouts adulti, nell'ambito di una tre giorni dedicata al tema "Per un nuovo umanesimo", ho parlato di "Non uomini nell'era del Post-umanesimo". Ho sostenuto che

Il giardiniere della Sila piccola

Martedì, 30 Maggio 2017 06:53 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

 Io li chiamo “anelli”. Gli altri li liquidano come “arte dei pazzi”. E io sono ben felice di praticare quest’arte, di non far parte della congrega dei savi cui allude Erasmo da Rotterdarm nel suo famoso “Elogio della follia”. E per favore

Una sensazione di straniamento

Lunedì, 22 Maggio 2017 11:14 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

Quando cammino in montagna (la montagna mediterranea, quella di cui Fernand Braudel dice che è il luogo di elezione per la conservazione della memoria), a lungo, per boschi, valli, crinali, è come se mi sperdessi. Per ritrovare, alla fine, me

Storia di fiumi, sassi, medici e infermieri

Martedì, 09 Maggio 2017 11:06 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpgMi risveglio nel letto caldo e profumato di casa. Alla fine di "tutto". Di uno di quei "tutti" che costellano le nostre vite. E paiono momenti epocali, totalizzanti. Ma dei quali ci dimentichiamo presto. Dal sogno emergono brandelli di

Pellegrinaggio della memoria

Lunedì, 24 Aprile 2017 05:36 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

Nelle case del borgo tutto si è fermato come per un improvviso incantamento. O per un cataclisma. Qualcuno è "fuggito" dacché era seduto dinanzi al focolare. Qualche altro ha lasciato l'ultima bottiglia d'olio. Sono rimaste perfino delle foto

Seme nella terra

Martedì, 18 Aprile 2017 10:51 Scritto da

francesco_bevilacqua.jpg

 Avverto il richiamo. La mia montagna del cuore mi invoca. E' Pasqua. Sono irrequieto. Potrei riposare. Ma quando la prima luce penetra attraverso le persiane, odo la voce. Cammino, solo. Il cuore in subbuglio per le mille ansie di un uomo