New politica… street sbagliata

Scritto da  Pubblicato in Maria Arcieri
Vota questo articolo
(25 Voti)

maria_arcieri.jpgC’è una parte della generazione dei trentenni a livello nazionale e locale che si avvicina alla politica negli ultimi venti anni. Perché così tanti? In pochi riescono a fare carriera altri invece cercano scorciatoie. Come mai è iniziato il ventennio del giovane rampante che in tutta fretta vuole seguire le orme degli anziani e si infagottisce di linguaggi, modi di pensare e di vestire della prima barra seconda repubblica. Eppure l’iter da seguire dovrebbe essere quello alla Minniti che dopo una lunga gavetta, ottimi o pessimi, dipende dal punto di vista insegnanti, è riuscito a raggiungere la vetta tra le più alte della politica nazionale.

Eppure non ho notato nessuno che si avvicina a lui come genere, stile, tenacia, linguaggio comunicativo. Forse i giovani hanno preferito i rampanti che in poco tempo sono nati tra le fila di un partito e in ancora meno tempo sono scomparsi dalla visibilità mediatica e politica. Queste new entry-meteore forse entrano dalla porta sbagliata e saltano step essenziali. E’ stato inviato dai pochi noti il messaggio sbagliato per governare e amministrare… bisogna creare una nuova fase politica soprattutto nelle menti e nel modo di pensare delle nuove e medie generazioni che già ambiscono al vitalizio prima di iniziare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA