Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgLa dominazione angioina nell’Italia meridionale continentale durò poco meno di due secoli e precisamente dal 1266 (Vittoria di Carlo d’Angiò a Benevento contro Manfredi, figlio di Federico II di Svevia) al 1442 (Conquista del Regno da parte di

Calabria e guerra del Vespro

Martedì, 06 Giugno 2017 08:52 Scritto da

francesco_vescio.jpg La conquista angioina del Regno normanno – svevo in seguito alla vittoria di Carlo d’Angiò contro Manfredi, figlio di Federico II, ucciso nella battaglia di Benevento (22 febbraio del 1266), ebbe ripercussioni politiche ed istituzionali non solo

francesco_vescio.jpgNella seconda metà del XIII secolo nell’Italia meridionale si verificò un decisivo mutamento dinastico: il potere monarchico passò dai Normanni – svevi  agli Angioini; tale evento inciderà sull’assetto politico italiano ancora  per circa

Calabria normanna: lingua greca e lingua latina

Mercoledì, 22 Marzo 2017 08:48 Scritto da

francesco_vescio.jpgLa dominazione normanna causò profondi mutamenti nella realtà linguistica sia parlata che scritta della Calabria, dove, al tempo della conquista, si  parlava tanto il greco quanto il latino, a seconda degli insediamenti del suo territorio e

Calabria normanna: chiesa latina e chiesa greca

Mercoledì, 15 Febbraio 2017 07:52 Scritto da

francesco_vescio.jpg

La dominazione normanna nell’Italia meridionale determinò mutamenti profondi nella struttura politica e istituzionale: unificò le terre bizantine, quelle longobarde e la Sicilia musulmana in un’unica entità statuale. La politica dei sovrani

Calabria normanna: struttura sociale ed economia

Lunedì, 09 Gennaio 2017 08:00 Scritto da

 

francesco_vescio.jpg Gli studiosi hanno distinto la dominazione normanna nell’Italia Meridionale in due periodi fondamentali: quello della conquista e quello del regno; nel presente scritto si cercherà di delineare gli aspetti più rilevanti dei mutamenti

Calabria Normanno–Sveva: istituzioni ed insediamenti

Mercoledì, 14 Dicembre 2016 08:24 Scritto da

francesco_vescio.jpg

Nell’XI e XII secolo nell’Italia meridionale si formò una nuova entità statuale sotto il dominio di sovrani, normanni prima e normanno- svevi successivamente; la Calabria, già soggetta all’Impero Bizantino, fece parte della nuova compagine statale

francesco_vescio.jpg

 

La conquista normanna dell’Italia meridionale, compiuta in un lungo lasso di tempo,  fu realizzata senza un piano strategico unitario, ma attraverso lotte incessanti, accordi mutevoli, alleanze momentanee seguite da frequenti

francesco_vescio.jpg

Con l’assedio e la resa di Reggio del 1059, di fatto, la Calabria era caduta sotto il dominio normanno, anche se restavano ancora qua e là delle sacche di resistenza bizantine; ecco come, sinteticamente, viene delineato tale avvenimento, che

francesco_vescio.jpgNei primi decenni dell’XI secolo gruppi di Normanni, provenienti dal Ducato della Normandia ( Francia) si erano stanziati nell’Italia meridionale continentale; la maggior parte di loro, inizialmente, era costituita da mercenari o meglio: << di